A differenza delle perenni, che spesso fioriscono per un periodo limitato (a volte solo per 15 giorni) le stagionali ci offrono la possibilità di avere fiori per una intera stagione e, sostituendole con le nuove fioriture di stagione in stagione, avere copiose fioriture per tutto l’anno.

Le piante erbacee stagionali hanno anche il vantaggio di avere esigenze di esposizione e terreno praticamente uniformi. Sono quasi tutte da sole pieno, a parte qualche eccezione e hanno bisogno tutte di un buon terreno ricco di sostanza organica per sviluppare rapidamente l’apparato radicale e di conseguenza anche una rigogliosa vegetazione che si possa ricoprire velocemente di fiori. Sarà necessario dotare le aiuole di stagionali di un impianto di irrigazione a goccia da utilizzare nelle stagioni più calde e siccitose.

Le stagionali a fioritura primaverile vanno trapiantate quando le temperature esterne notturne non scendono più sotto lo zero, quindi non prima della metà di febbraio al nord, ma sarà bene controllare le previsioni per essere più sicuri sull’andamento climatico; una precauzione questa che deriva dal fatto che sono piante coltivate in serra, anche se poco o nulla riscaldate e quindi gli sbalzi termici che possono subire una volta trapiantate possono fermare la vegetazione e bloccare o compromettere la fioritura.

Sono molte le stagionali a fioritura primaverile, le prime a comparire nei garden già a ottobre-novembre, sono le Viole del pensiero poiché, pur trapiantate così presto, se il clima non è troppo freddo e le temperature non scendono sotto lo zero, possono rimanere fiorite in aiuola o in vaso anche durante l’inverno.

A gennaio, invece compaiono per prime le Primule, tanti colori e ottima resistenza al freddo, hanno però un periodo di fioritura più limitato rispetto a tutte le altre fioriture primaverili. Si trapiantano e restano così come sono, non aumentano di dimensione e finiscono la loro fioritura dopo circa un mese.

Le più fiorifere e durature fioriture primaverili sono senza dubbio i Non ti scordar di me (Myosotis arvensis), la Viola hibrida, oltre alla già citata Viola wittrockiana che continuano a fiorire fino a maggio inoltrato.

I Myosotis sono tra i più fioriferi della stagione
I Myosotis sono tra i più fioriferi della stagione

Potrete utilizzarle realizzando mix di colori della stessa pianta oppure mescolare tra loro Viole, Miosotis e Pratoline creando, eventualmente anche con le perenni, piacevoli contrasti o delicate armonie. Si acquistano in vasetti di piccole dimensioni ma, le ultime citate, nel tempo si allargano quindi dovete dare loro uno spazio sufficiente per svilupparsi con un sesto d’impianto di circa 15-20cm e trapiantarle a quinconce.

Come sempre buon lavoro!

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina.